Le iniezioni intravitreali

COSA SONO LE INIEZIONI INTRAVITREALI

Iniezione intravitrealeL’iniezioni intravitreale di farmaci anti-VEGF rappresenta oggi la principale terapia della degenerazione maculare senile complicata dalla presenza di membrane neovascolari sottoretiniche. I farmaci anti-VEGF impediscono la proliferazione nuovi vasi sanguigni anomali ed in molti casi sono in grado di arrestare l'evoluzione della degenerazione maculare senile. Solo in qualche caso è possibile però sperare in un miglioramento ed un recupero visivo.

COME FUNZIONANO LE INIEZIONI INTRAVITREALI

La procedura deve essere eseguita in sala operatoria dopo aver instillato alcune gocce di collirio anestetico. La procedura è indolore e prevede l’iniezione del farmaco nel vitreo, la sostanza gelatinosa che riempie l’occhio. Se necessario, l’iniezione può essere a distanza di un mese circa.

QUALI SONO LE SOSTANZE INIETTABILI

I due farmaci più utilizzati sono Avastin e Lucentis , due molecole ampiamente utilizzate da alcuni anni in moltissimi pazienti. I due farmaci hanno risultati clinicamente molto simili tra loro, anche se Lucentis è stato appositamente studiato per la degenerazione maculare senile e grazie alla sua struttura ha minori effetti collaterali a livello sistemico. Recentemente è stato introdotto un nuovo farmaco, Eylea, che dovrebbe consentire di ridurre la frequenza ed il numero di iniezioni necessarie.

Studio Oculistico Dott. Giovanni Bragliani

via Monteverdi n. 32 (angolo via Veneziani)
44124 – Ferrara
Tel/Fax 0532 762635

info@braglianigiovanni.it

Seguici su

Facebook    Google plus